Overblog Segui questo blog
Administration Create my blog
20 marzo 2013 3 20 /03 /marzo /2013 17:16

 

http://www.vitanaturalis.it/images/image/Logo_VitaNaturalis.png

Con l'aumento della consapevolezza relativa a ciò di cui ci nutriamo, aumenta anche l'offerta di prodotti ideali per le esigenze di chi ha scelto uno stile alimentare cruelty-free come quello veg.

Per questo oggi vi parliamo di un sito di e-commerce come Vita Naturalis che coniuga l'etica con la possibilità di effettuare acquisti on line.

Il sito offre solo prodotti selezionati, sicuri e naturali, privi di olio di palma e di ingredienti di origine animale o testati su animali; sono disponibili, inoltre, anche prodotti per celiaci ed intolleranti.

Per ulteriori dettagli vi consigliamo di visitare il sito a questo link

Repost 0
Published by blogdituttounpo - in risparmio
scrivi un commento
20 marzo 2013 3 20 /03 /marzo /2013 17:16

 

http://www.vitanaturalis.it/images/image/Logo_VitaNaturalis.png

Con l'aumento della consapevolezza relativa a ciò di cui ci nutriamo, aumenta anche l'offerta di prodotti ideali per le esigenze di chi ha scelto uno stile alimentare cruelty-free come quello veg.

Per questo oggi vi parliamo di un sito di e-commerce come Vita Naturalis che coniuga l'etica con la possibilità di effettuare acquisti on line.

Il sito offre solo prodotti selezionati, sicuri e naturali, privi di olio di palma e di ingredienti di origine animale o testati su animali; sono disponibili, inoltre, anche prodotti per celiaci ed intolleranti.

Per ulteriori dettagli vi consigliamo di visitare il sito a questo link

Repost 0
Published by blogdituttounpo - in risparmio
scrivi un commento
30 dicembre 2012 7 30 /12 /dicembre /2012 19:15

http://2.bp.blogspot.com/-EpcymSNBdGk/T5F7x8NsF8I/AAAAAAAAAcw/TMJWsdTkPcc/s1600/detersivo+piatti+fai+da+te+ingredienti.JPG

Stanchi dei soliti detersivi industriali che mettono a rischio la salute della pelle delle mani?

Vi offriamo una semplice ricetta per realizzare in casa un detersivo per piatti a base di limone.

INGREDIENTI:

- 3 limoni grossi

- 300 ml di aceto

- 1/2 l di acqua

- 250 gr di sale fino

 

PREPARAZIONE:

Spremere il succo dei limoni e ricavare le scorze da frullare insieme a metà del succo ottenuto.

Aggiungere ,quindi, il sale e frullare ancora; versare il restante succo e continuare a frullare.

Una volta ottenuto un composto omogeneo, farlo bollire insieme ad acqua ed aceto in un pentolino a fuoco basso per 15-20 minuti.

Lasciare raffreddare e frullare di nuovo il composto.

Infine, versare in un flacone per utilizzarlo come detersivo per piatti da lavare a mano o con lavastoviglie.

 

Repost 0
Published by blogdituttounpo - in risparmio
scrivi un commento
20 dicembre 2011 2 20 /12 /dicembre /2011 23:28

 

http://thekrazycouponlady.com/core/wp-content/uploads/2009/10/Untitled-5.jpg

 

Finalmente anche il popolo di vegetariani e vegani, in aumento negli ultimi anni, potrà contare sulle offerte stile groupon per l'acquisto di prodotti cruelty-free.

Collegandosi al sito Veggiecoupons.info  d'ora in poi sarà più semplice scegliere di basare le proprie scelte d'acquisto su una logica differente da quella fondata sullo sfruttamento animale che si cela non solo dietro gli alimenti ma anche nell'abbigliamento o nei cosmetici.

Si tratta anche di un'ottima occasione per chi sta pensando di fare una scelta in questa direzione.



Repost 0
Published by blogdituttounpo - in risparmio
scrivi un commento
11 novembre 2011 5 11 /11 /novembre /2011 12:25

http://www.spiare.com/immagini/generiche/paypal.jpg

 

Grazie all'avvento di internet oggi è possibile eseguire tante operazioni finanziarie stando comodamente a casa: prenotare biglietti di viaggi (evitando lunghe file in biglietteria), acquistare prodotti cosmetici non commercializzati in punti vendita vicini a noi o semplicemente ricevere denaro.

La possibilità di fare tutto questo in completa sicurezza è offerta anche da un sito come Paypal, un vero e proprio 'must' per lo scambio di denaro virtuale.

 

Come attivare Paypal?

Per poter usufruire della comodità di comprare o essere pagati senza scambio di soldi in contanti basta collegarsi al sito Paypal.it e registrare un proprio conto associandolo ad una carta prepagata, di credito o ad una comune carta ricaricabile postepay.

La garanzia di Paypal è quella di una transazione economica veloce, sicura e affidabile che ci solleva anche dal dovere inserire di volta in volta dati sensibili come quelli associati alle varie carte utilizzate.

Inoltre, l'apertura di un conto di questo tipo è del tutto gratuito. Si può prelevare e richiedere denaro con condizioni e tariffe che potrete trovare in dettaglio sul sito ufficiale.

 

Repost 0
Published by blogdituttounpo - in risparmio
scrivi un commento
30 agosto 2011 2 30 /08 /agosto /2011 22:42

http://www.italiarealestate.it/web/public/imgscommunity/social%20housing.jpg

 

Giovani coppie o nuclei familiari monoreddito, studenti fuori sede o immigrati regolari sono alcune delle fasce della popolazioni per cui nasce il social housing. Scopriamo cos'è l'abitare sociale:

 

http://it.over-blog.com/Cose_il_social_housing-1228321765-art362495.html

Repost 0
Published by blogdituttounpo - in risparmio
scrivi un commento
30 agosto 2011 2 30 /08 /agosto /2011 22:37

http://www.impresamia.com/extern/Immagini_settembre_3/social-shopping.jpg

 

Riuscire a cogliere un'occasione al volo per acquistare prodotti e servizi oggi è possibile grazie alla nuova tendenza made in U.S.A. Di cosa si tratta? Scopritelo leggendo l'articolo!

 

http://it.over-blog.com/Social_shopping_la_nuova_tendenza_americana-1228321781-art367400.html

Repost 0
Published by blogdituttounpo - in risparmio
scrivi un commento
29 agosto 2011 1 29 /08 /agosto /2011 13:54

http://www.neurosciencemarketing.com/blog/wp-content/photos/doggie_bag.jpg

 

Vi è mai capitato di andare al ristorante e sentirvi quasi in colpa per tutto quel cibo lasciato a metà e destinato alla pattumiera? Con la doggy bag la situazione cambia. Vediamo come.

Nell'America, Paese simbolo del consumismo, è un'abitudine comune.

Lo ha dimostrato anche la First Lady Michelle Obama quando, in visita in Italia, ha chiesto al ristoratore una doggy bag per portar via gli avanzi.

La doggy bag, letteralmente 'sacchetto per il cane', nasce appunto per riservare qualche avanzo ai propri animali domestici. In realtà, data la consueta tendenza degli americani a mangiare fuori casa, poter portare via quello che, debitamente pagato, non è stato consumato, è un gesto quotidiano che anche le celebrità non hanno imbarazzo a realizzare.

Questa tendenza va lentamente diffondendosi anche nel nostro Paese, come dimostrano le aziende che iniziano a produrre simpatici sacchetti per incentivare questo semplice gesto anti-spreco.

Anche i ristoranti italiani si sono organizzati in tal senso aderendo al progetto "Il buono che avanza", con cui si riserva ai propri clienti la possibilità di portar via, attraverso le doggy bags, il cibo e il vino avanzati alla propria consumazione, mostrando anche il valore sociale di questo semplice gesto.

Se teniamo conto del fatto che ogni anno si spreca una quantità di cibo pari a 37 miliardi di euro, le doggy bags possono iniziare a fare la differenza.

 

Repost 0
Published by Edith - in risparmio
scrivi un commento
17 agosto 2011 3 17 /08 /agosto /2011 17:19

Provate a immaginare: un piccolo orto in cui coltivare le primizie di stagione, persone fidate a cui lasciare i propri bambini, spazi comuni in cui chiacchierare sorseggiando un caffè. Questa cornice domestica non è un’utopia, ma la filosofia di vita che ha ispirato la pratica del cohousing.

Il cohousing costituisce un nuovo modo di abitare, che si sta affermando pian piano anche in Italia.

I cohouser sono persone che hanno scelto di realizzare una comunità residenziale condividendo alcuni spazi e servizi (ad es.: orto o serra in comune, micronido per bambini, car sharing, ecc.).

I vantaggi che il cohousing consente di ottenere non attengono soltanto alla sfera economica (si riducono, infatti, gli sprechi e il ricorso a servizi esterni e si può optare per l’acquisto collettivo di prodotti), ma si riferiscono soprattutto a quella sociale. Il coabitare, in effetti, ridisegna nuovi spazi di socialità e nuove modalità di condivisione nel rapporto con il vicinato. La filosofia condivisa dei cohouser è quella di sviluppare un’idea di appartenenza a una comunità mettendo in primo piano il valore della condivisione a cui aspira questo nuovo modo di vivere e abitare una casa.

Resta salvaguardato, in ogni caso, lo spazio per la privacy di ognuno degli abitanti della comunità, visto che la condivisione degli spazi non è una forzatura e ogni famiglia può continuare a sostenere i propri normali ritmi di vita.

Nella realtà italiana, il co-abitare si è affermato grazie anche alla Rete Italiana del Cohousing, costituita da associazioni e vari gruppi che, senza alcuna finalità di lucro, promuovono e sostengono la cultura del cohousing a livello locale.

little constructor
Repost 0
Published by Edith - in risparmio
scrivi un commento
7 agosto 2011 7 07 /08 /agosto /2011 21:23

Il rispetto dell'ambiente passa anche attraverso una razionalizzazione dei nostri consumi oltre alla capacità di riutilizzare ciò che già si possiede. Allora perchè non rivalutare il baratto? Scopriamo insieme come.

Anche in Italia è possibile iscriversi a siti che puntano sullo scambio di oggetti (dai giocattoli ai libri, dai vestiti ai cd) per ridurre i consumi e gli sprechi e aiutare gli ambiente con una minore produzione di rifiuti. Ma quali sono i siti su cui è possibile barattare gli oggetti superflui accantonati in garage o dimenticati nei ripostigli? Proviamo a scoprire insieme i più popolari che si stanno diffondendo in Italia.

Zero Relativo è una community che adotta la filosofia del ‘il tuo oggetto è la tua moneta’ escludendo qualsiasi tipo di compravendita attraverso il denaro così da allungare il ciclo di vita degli oggetti per mezzo del solo scambio.

Reecycle.it è un sito nato per rinnovare e migliorare i servizi della comunità di scambio Freecycle.it, già esistente anche in Italia.

Ricicklo.com è un altro portale che, oltre a dedicarsi al baratto, ammette anche la compravendita on line. Le operazioni di base sul sito sono del tutto gratuite, mentre per mettere in evidenza i propri oggetti è necessario pagare delle piccole maggiorazioni che oscillano tra i 0,65 e i 3 euro.

piggy bank

Repost 0
Published by Edith - in risparmio
scrivi un commento