Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
29 agosto 2011 1 29 /08 /agosto /2011 14:01

Avete trascorso l'infanzia a pettinarle, cambiarle il vestito, inventare storie incredibili nel loro mondo super accessoriato. È arrivato il momento di riciclare le sorridenti bambole, imperturbabili al trascorrere del tempo: come fare? Ecco la geniale idea di una giovane artista di New York, Margaux Lange.

Se volete sbarazzarvi delle mitiche bambole che hanno accompagnato i vostri giochi infantili, potete provare a seguire l'esempio dell'artista newyorchese Margaux Lange.

Questa giovane artista si è conquistata le più prestigiose copertine della stampa internazionale di moda e design grazie al progetto Plastic Body. Si tratta di sue creazioni basate sul riciclo di parti dei corpi delle bambole, divenute icone di una bellezza perfetta, e dei loro accessori con acciaio e resina pigmentale.

Il risultato è senza dubbio originale e a tratti inquietante: tra i gioielli composti dalla Lange si trovano ciondoli composti da seni di povere Barbie sventrate, braccia e gambe delle bambole utilizzate come ciondoli o medaglioni di orecchie o di intramontabili sorrisi delle bellezze di plastica.

Oltre alla raffinata elaborazione alla base della creazione di questi originali gioielli, si può intuire anche l'idea concettuale che si cela dietro il riciclo della bambola della Mattel: un attacco all'icona della produzione di massa, asservita a un lavoro artigianale, in cui ogni oggetto è una creazione unica.

Se l'intenzione era quella di stupire, di certo dovremmo complimentarci con la fervida e sadica fantasia della Lange!

Barbie massacre

Condividi post

Repost 0
Published by Edith - in curiosità
scrivi un commento

commenti